Traumi ad alta energia dell’arto inferiore ed esiti

53° CONGRESSO A.L.O.T.O.

L’argomento scelto per il congresso “Traumi ad alta energia dell’arto inferiore ed esiti”, che si svolgerà nella giornata del 2-12-2016, rappresenta un tema di estrema importanza sia per l’ampia fascia di utenza che viene coinvolta, sia per i risvolti sociali, economici e medici che tali traumi producono.
Nel corso degli anni si è avuto un incremento delle lesioni degli arti nei traumi ad alta energia che giungono nelle strutture sanitarie, con un aumento delle fratture pluri-frammentarie e dei pazienti poli-fratturati. D’altro canto il continuo progresso tecnologico, anche in campo medico-chirurgico, ci permette di affrontare sempre meglio tali situazioni e di poter dare una risposta più pronta e più costante nell’interesse dei pazienti e della società. Imperativo medico è tendere al recupero più rapido ed ottimale dell’infortunato mirando al suo reinserimento nella vita lavorativa, famigliare e sociale.

ALOTO Congresso 2016 Pagina 01

Tutti gli argomenti su temi preordinati verranno esposti da un pool di giovani specialisti, commentati e discussi da moderatori esperti. Inoltre, saranno organizzate delle tavole rotonde per lo sviluppo e la definizione di linee guida, per la condivisione degli algoritmi diagnostico-terapeutici e per l’elaborazione di proposte di modifica delle attuali tabelle di valutazione del danno biologico.
Per ogni distretto corporeo si terranno: 3 relazioni -2 casi clinici -1 tavola rotonda con relatori senior, esperti di chirurgia e medicina legale.
Precisazioni relazioni e casi clinici Abbiamo previsto per ogni sessione del congresso uno spazio dedicato all’esposizione di casi clinici particolari od interessanti riguardo il tema dei “Traumi ad alta energia degli arti inferiori ed esiti”. Saranno disponibili 5 minuti per l’esposizione di ogni caso clinico.
Vi preghiamo di inviare una piccola descrizione del caso che volete presentare, entro e non oltre il 15 settembre 2016, alla segreteria scientifica del congresso.
Avrete notato dal programma congressuale che in ogni sessione vi è un grande spazio dedicato alla discussione a conferma del nostro desiderio di confronto per
lo sviluppo e la definizione di linee guida, per la condivisione degli algoritmi diagnostico-terapeutici e per l’elaborazione di proposte di modifica delle attuali tabelle di valutazione del danno biologico.

La presentazione delle relazioni dovrebbe essere eseguita dai collaboratori “meno anziani”, e tra questi verranno premiati con la partecipazione ad un cadaver lab i due colleghi che presenteranno relazioni più meritevoli.

1 PRIMARY WOUND DRESSING
KERECIS OMEGA3 WOUND
ONE VET VETERINARIA
Scroll Up